Instagram

The New Album 'Different Distance' is now available!

Arid Garden
Il mio titolo

Discography

phpthumb_generated_thumbnailjpg
300

Different Distance

Sep 2016

Arid Garden

Dec 2014

NEW!

 

ARID GARDEN were born in 2011 by Davide Cotroneo's intention to create a sperimental trio, mixing oriental ethnic sounds and rock fusion. With Giovanni De Luca and Vincenzo Messina he composed some musical drafts.
Afterwards, with the decision to annex a poetry and lyrics in their songs, the band started to create oniric and suggestive atmospheres. In november 2012 Giorgio Belluscio joined to complete the formation: in this period their first work, ARID GARDEN, started to be composed.
with the addition of Anais Del Sordo (2013) the band started to work on a concept album, improving and consolidating the arrangements of their existing songs, composing new material, and modifying the general sound, making it less invasive and more atmospheric, keeping the narrative role at the voice. To get different sounds from the previous Arid Garden’s album, they decide to reduce the band (piano less). In December 2015 they begun recording their new studio album into a home recording studio.
In 2016 they begun mixing work edited by Filippo Bubbico simultaneously with a video making of guitarist Davide Cotroneo. In September 11 of 2016 it’s published “Different Distance”, an album that define their musical identity based on a continual evolution route.

Biography

Reviews

DPRP Review

 

Formed in 2011, this EP is Arid Garden's debut release. This southern Italian quintet has a strong and individual musical identity that puts a jazz-rock spin on neo-prog style melodies. The brainchild of guitarist Davide Cotroneo, he is generous with the group dynamic having all the players, Giorgio Belluscio (piano), Giovanni De Luca (bass), Vincenzo Messina (drums) contributing to the poised sound pallet. This is topped-off by the honeyed vocals of Anaïs Del Sordo.

The EP opens strongly with the building neo-prog of The Day Breakdawn where fabulously intense piano playing is balanced with occasionally fierce guitar. The jazzy atmosphere is kept in the background here. But on Escape, the sound becomes more jazzy and psychedelic, with discordant guitar, scat singing and all instruments taking a solo. It is atmospheric, but it is also one of those tracks that on one listen enchants, but on another listen can irritate, which to my mind means they are doing something right.

The remaining three tracks mix smoky jazz vocals (on Abyss), with lovely guitar and piano interplay, whilst the rhythm section displays a great deal of subtlety. All in all, this is a good calling card and statement-of-intent by Arid Garden. It will be interesting to see where they go next.

Sleeping Bag Studios Review

 

Big fan of these five songs on this new EP from Arid Garden, let me say that right from the get-go. This is a highly ambitious band bringing a form of progressive jazz right to the top of my playlist right now.   There’s a complete wealth of ideas within each song and within this entire EP…some sounds I can’t do without now. It’s a fantastic combination of music and vocals with layers of intense drama all throughout the music…it sounds like an adventure.

You get an incredible dose of what this four-piece is capable of right away with a beautiful melody and some powerful vocals from lead-singer Anaïs Del Sordo in the opening track “The Day Breakdown,” who brings a lot to the table quickly with inventive lyrics and a completely innovative take on what you can do upfront. Along with the music, this band is taking their style and sound to a different plain than the rest, resulting in the entire five-song set here sounding fresh, creative and unique for every single second.

It is both the musicianship and the vocals that will impress you about this band though. The bass of Giovanni De Luca and the drums of Vincenzo Messina carry this track far and wide as they take turns creating a song that is the full-equivalent of an art-show display. It’s incredibly well-recorded, and really highlights the incredible skills this band possesses. As Del Sordo haunts the track with her floating vocals, this band is coming together in all kinds of incredible ways…and as it punches into the final minutes they bring it all together in such a way that really SOUNDS like this band was meant to play and perform together forever.

You have to love the freedom in their music…it seems to lead them anywhere, and with precision, they seem to follow. Again, much credit to drummer Messina…this guy is built like your grandfather’s watch that never stopped ticking. Absolutely great sound to his rhythmic style, perfectly accented on a track like “Desert,” which again features Del Sordo with her hazy vocals bringing an innovation to the track that you just don’t get from singers that play it safe. She takes chances…some of them work…some maybe not as much, but it’d be impossible not to admire her courage because this committed artist goes for it each and every time. Excellent guitars here from Davide Cotroneo as well, right into the harmonics and into a Pink-Floyd-ish like stratosphere and back down to earth again. Excellent solos in all of Arid Garden’s work…this is sound, sound stuff.

Something like the track “Abyss” is almost more of a theatrical production…something much like the band Hooverphonic would have put out in the middle of their career. Damn…that’s another band that I really wished had caught on more…but artistic endeavours in music can often be polarizing; some people ‘get-it’ while others never will. For what it’s worth, they’ve got a fan in me here…especially in the music of the “Abyss,” aptly-titled because you do just get completely lost in it. Enveloping with its sound and sparklingly clear production, this entire EP just pulls you in close to listen to whatever they come up with through an incredible recording and truly inventive ideas.

The isolated and small-ending, piano-led and beautifully-melodic, “Finale” puts Del Sordo back at the forefront of the stage in this final production. The mood is somber…the melody is wonderful in the piano; Del Sordo can take it right up to the rafters and beyond…sometimes I want to pull her back down with us, and at others I’m right with her like in between 2:20-2:40 of this incredible song. As she finishes the verse, she’s as perfect as an angel and fits this song as beautifully as you could hope. With the piano ending, this theatrical movement from Arid Garden has come to a close…but I firmly believe this is an encore act…I want to hear more already and I can only imagine what they might come up with in the future. Highly innovative, intensely committed and artistic…this was completely rad to listen to.

[ITA] Rockit.it Recensione a cura di Giovanni Lepori

 

Non sono mai stato un grande appassionato del genere progressive ma ho sempre riconosciuto la bravura dei musicisti che si cimentano in queste sonorità caratterizzate un'alternanza di ritmiche con tempi dispari e di difficile esecuzione.

La mia stima va anche agli Arid Garden, gruppo cosentino, che ha recentemente rilasciato un disco omonimo, "Arid Garden" per l'appunto: 5 tracce che trasudano tecnicismi e orpelli musicali unitamente ad una grande ricerca compositiva.
Il disco è una delicata combinazione di parti strumentali e cantato spesso caratterizzato da un sfumatura drammatica in stile gotico. Il tutto è accentuato dal sussegguirsi di dinamiche con tonalità diverse all'interno delle singole tracce che contribuiscono ad aumentare il clima di tensione che pervade l'intero album.
Le canzoni sembrano singoli ep, ogni brano dura in media 8 minuti, e, per i non amanti del genere, risulta abbastanza difficile completare l'ascolto delle tracce senza controllare i minuti rimananeti dalla schermata del player nei momenti di tregua dei brani. Purtroppo dopo l'ascolto delle prime due canzoni, "The Day Breakdawn" ed "Escape", caratterizzate da una melodia molto elaborata e dalla voce potente e malinconica della cantante Anaïs Del Sordo, ci accorgiamo che nonostante il suono sembri fresco e creativo, senza possibilità di rimandi, il pattern di fondo dei brani svela una repetitività alienante.

L'alternanza schematica tra parte strumentale, cantato e climax ascendenti e discendenti stride con la capacità tecnica dei componenti della band: il basso di Giovanni De Luca e la batteria di Vincenzo Messina sono perfettamente integrati tra loro e denotando un grande affiatamento, così come per gli assoli di chitarra di Davide Cotroneo che compaiono in tutti i brani dell'album ravvivando l'attenzione dell'ascoltatore.

Ancora una volta ci troviamo di fronte a un gruppo con molte idee, grandi capacità tecniche ma privo di una precisa identità. I presupposti ci sono tutti ma occorrerà necessariamente lavorare molto per sganciarsi da influenze esterne e migliorare la qualità dei testi e della pronuncia che spesso risultano un po' acerbi.

 

 

 

 

 

[ITA] Distorsioni.net Recensione a cura di Alberto Sgarlato su "Different DIstance"

 

Una piccola, deliziosa, delicatissima perla, questo EP degli Arid Garden: quattro tracce la cui durata media spesso supera i 6 minuti (per 20 minuti complessivi dell’opera), dando così modo ai musicisti di esprimersi al massimo delle loro potenzialità virtuosistiche e creative. Il giardino è tutt’altro che arido, anzi: siamo di fronte a un vivaio rigoglioso e festoso di fiori colorati che custodiscono i profumi del delicato jazz acustico e un po’ latin degli Everything But The Girl, i virtuosismi vocali di una Lisa Stansfield, un tocco trip-hop vagamente alla Portishead, la classe tutta soul di Basja, un tocco di follia dei Rip Rig + Panic, quella melanconia latente dell’opera d’esordio di una Chiara Civello, il tutto sorretto da arpeggi chitarristici che ogni tanto si concedono divagazioni impreziosite da sentori di progressive rock e Canterbury sound.

Ecco: le coordinate sono tutte queste e sono tante. Siamo di fronte a un’elegante opera di jazz melodico costruito attorno a una

splendida voce femminile. Loro sono: Anaïs Del Sordo alla voce, Davide Cotroneo (principale fautore e coordinatore del progetto)

alla chitarra, Giovanni De Luca al basso e Vincenzo Messina alla batteria. L’album è stato registrato “live in studio”: nessuna

sovrincisione, nessuna post-produzione, una notevole componente di improvvisazione.

Insomma: non c’è trucco, non c’è inganno… Loro sono bravi sul serio.

[ITA] We-Rock.info Recensione a cura di Daniele Vasco

 

Gli ARID GARDEN nascono nel 2011 dall’idea di Davide Cotroneo di creare un trio sperimentale mescolando sonorità etniche orientali al rock fusion.
Con Giovanni De Luca e Vincenzo Messina compone alcune bozze di brani. In seguito gli orizzonti del nascente gruppo si ampliano con la decisione di aggiungere una poetica ai brani composti, creando atmosfere oniriche e suggestive.
Per completare la formazione secondo il nuovo schema di pensiero si aggiunge nel novembre 2012 Giorgio Belluscio: in questo periodo nasce l’embrione del loro primo lavoro in studio, ARID GARDEN.
Con l’aggiunta di Anais Del Sordo (2013) il gruppo intraprende con estrema accuratezza un percorso verso la creazione di un concept album, consolidando e migliorando i testi e gli arrangiamenti dei brani preesistenti, componendone dei nuovi, modificando il sound generale e rendendolo meno invasivo e più atmosferico, lasciando così il ruolo narrante esclusivamente alla voce.
[Arid Garden] Il gruppo termina le registrazioni di ARID GARDEN il 31 agosto 2014.
L’8 ottobre verrà pubblicato su tutte le piattaforme multimediali il Promo dell’album, mentre l’uscita di album e DVD è prevista per il mese di novembre.
L’album, è stato pubblicato a dicembre dello scorso anno.
Fin dal primo ascolto del brano d’apertura del disco “The Day Breakdawn”, risulta subito chiara la ricercatezza dei suoni e degli arrangiamenti che caratterizzano la proposta del gruppo. I suoni creano un’atmosfera interessante e facilmente “assimilabile” dall’ascoltatore, sebbene si notino alcune imperfezioni sia strumentali (alcuni incursioni chitarristiche più “artigliate” non proprio azzeccate nel contesto) e vocali (la voce sembra arrancare in alcuni passaggi).
Le melodie che si vanno a delineare, dimostrano che la band, vuole condurre l’ascoltatore attraverso un’esperienza sonora più raffinata, come dimostra il secondo brano del disco “Escape”. La delicatezza del suono delle tastiere che introducono il pezzo, ben si amalgamano alle connotazioni jazzistiche e sperimentali dell’arrangiamento. Anche le linee vocali si fanno più raffinate, creando un groove sonoro più prossimo all’ambient-music.
Ovviamente, trattandosi di una proposta musicale che mischia jazz, fusion e sperimentazioni, le scelte compositive variano nuovamente nella terza traccia in scaletta “Desert”, dove la musicalità disegna atmosfere che permettono di immaginare realmente una sorta di viaggio onirico sopra un deserto. Da notare, come al sound già descritto, in questo pezzo, si possano sentire contaminazioni blues e soul intriganti.
Il livello sale ulteriormente con la quarta e penultima traccia dell’album “Abyss”. Provate a chiudere gli occhi e vi ritroverete immersi nelle atmosfere di un film noir, seduti in un bar vicino a Jean Gabin o di un film di spionaggio vicino a 007 (a voi la scelta di quale dei tanti). Ottima scelta stilistico-musicale.
Il “Finale” (come recita il titolo dell’ultima canzone), non può che essere all’altezza dei brani precedenti. Il groove (dal retrogusto malinconico) con cui i componenti del gruppo decidono di chiudere il loro disco d’esordio, dal punto di vista musicale, avvalendosi della voce di un pianoforte come unico accompagnamento alle linee vocali, dimostra ancora una volta (se ce ne fosse ancora bisogno) di come le idee compositive degli Arid Garden, denotino una certa conoscenza di quei generi che ancora oggi sono considerati “di nicchia”, solo per estimatori e di come, grazie ad un mix sapiente degli stessi, i Nostri, siano riusciti a creare un nuovo sound, apprezzabile e godibile anche a chi non conosce il jazz, la fusion, l’ambient-music, l’avant-garde e la musicale sperimentale in genere.
Attualmente gli Arid Garden stanno lavorando su nuovi brani, per comunicare al pubblico nuove esperienze musicali e narrative.

Coming soon...

Tour

Contact

Name  
Email  
how did you find us?  
Message  
 

Use the form below to contact us.

Due to the large amount of fan mail received, we cannot guarantee a reply to every message.